La dieta Mayo

La dieta Mayo è nata molti anni fa, negli anni 40, ed ha nel tempo subito alcune variazioni divenendo abbastanza popolare negli anni 80. Non si sa da dove deriva il suo nome, di sicuro non c'entra nulla con il famoso ospedale Mayo Clinic di Rochester, negli Stati Uniti, che ha elaborato una dieta equilibrata chiamata anch'essa con lo stesso nome (vedi la dieta Mayo Clinic). In molti siti inglesi si indica addirittura "Real Mayo Clinic Diet" per indicare quella dell'ospedale e non la dieta Mayo oggetto di questo articolo.

Come funziona la dieta Mayo

La dieta Mayo è una dieta iperproteica, nata probabilmente sull'onda dei primi studi che indicavano come un eccesso di carbiodrati impedisse il dimagrimento, mentre un'alimentazione iperproteica comportasse una perdita di peso molto più rapida.

Si tratta di una dieta molto restrittiva che prevede cicli di 14 giorni. Non prevede il controllo della quantità di cibo (si può mangiare a sazietà), tuttavia il regime ipocalorici è assicurato dalla forte restrizione riguardo alla qualità del cibo cioè a quello che si può o non si può mangiare. Verosimilmente, l'apporto calorico di una dieta del genere non supera le 1000 kcal al giorno.

Dieta Mayo

La scelta dei cibi deve essere fatta seguendo queste indicazioni:

  • niente latte e derivati, tranne un giorno nel quale si può mangiare yogurt
  • niente cereali e derivati ad eccezione di una fetta di pane al giorno
  • gli zuccheri vanno aboliti (anche i cibi dolci)
  • niente legumi ed ortaggi, ad eccezione di sedano, pomodoro, cetrioli, insalata e spinaci
  • niente frutta, a parte il pompelmo
  • le uova vanno consumate tutti i giorni, da 6 a 36 a settimana
  • carne e pesce devono essere magri, e cotti al vapore o alla griglia
  • i condimenti devono essere limitati al contorno di verdura
  • caffè e tè sono liberi

 

 

La dieta Mayo prevede un giorno libero a settimana, durante il quale si può mangiare ciò che si vuole. La dieta va ripetuta fino al raggiungimento del peso desiderato, e non è previsto alcun regime di mantenimento.

I vari pasti nella dieta Mayo vanno gestiti in questo modo: 11 pasti a base di uova, 10 pasti a base di carne, 3 pasti a base di pesce, 2 pasti a base di frutta, 1 pasto a base di yogurt.

Analisi critica della dieta Mayo

Dell'inutilità delle diete iperproteiche abbiamo già parlato molte volte, il problema delle persone in sovrappeso non è quello di dimagrire, perché tutti nella loro vita sono riusciti a dimagrire con una dieta, il problema è mantenere il peso raggiunto, e nella dieta Mayo questo aspetto non è preso minimamente in considerazione!

Nella dieta Mayo c'è anche l'aggravante del forte squilibrio nutrizionale presente, con carenze (soprattutto in micronutrienti) ed eccessi (in colesterolo e grassi saturi) dovuti alla forte limitazione nella qualità degli alimenti concessi, che la rendono pericolosa per i soggetti non in perfetta salute.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Sciroppo di glucosio

Lo sciroppo di glucosio è uno degli ingredienti più utilizzati dall'industria alimentare, come sostituto dello zucchero.


Selenio

Il selenio è un elemento importante per contrastare il danno ossidativo prodotto dagli idroperossidi: scopriamo quando c'è rischio di carenza o eccesso, vantaggi o svantaggi.


Sardina o sarda

Sardina o sarda: il pesce azzurro ricco di omega 3. Come sceglierla, la stagione migliore, la preparazione e le ricette.


Chutney - salsa indiana

Il chutney o chatni è una salsa piccante a base di frutta e spezie tipica della cucina indiana.

 


Wafer paper o Rice paper

Wafer paper (o rice paper): l'ultima frontiera del cake design fatta con fogli di ostia.


Pasta di semola di grano duro

Pasta - Produzione e caratteristiche della pasta di semola di grano duro


La pasta fa ingrassare?

La pasta fa ingrassare? Dipende dal sugo... Ma non dalle calorie o dai grassi, quanto dalla densità calorica.


Birra triplo malto

La birra triplo malto molto probabilmente è nata per imitare la tripel belga e indica una birra ad alta gradazione alcolica, non uno stile di birra.