La dieta della dottoressa Flachi

La dottoressa Evelina Flachi è laureata in Scienze Biologiche, nel 1978 ha ottenuto la specializzazione in Scienza dell'Alimentazione presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia di Milano. Dal 1982 gestisce, come direttore operativo, il proprio Poliambulatorio Medico Slim Line di Milano, in cui esercita l'attività di specialista in scienza dell'alimentazione.

Da molti anni la dottoressa Flachi collabora con diversi programmi televisivi, molto la conosceranno per averla vista nei programmi "Uno mattina", "Sabato salute" o "La prova del cuoco".

Come funziona la dieta Flachi

Evelina Flachi ha scritto un libro in cui illustra la sua dieta: "La dieta Flachi: dimagrire in 5 tappe rispettando il gusto italiano". Utilizzando il 5 come "numero magico", la Flachi propone una dieta equilibrata, ipocalorica, che contiene spunti interessanti e di buon senso.

Dal punto di vista pratico, la Flachi consiglia di introdurre a colazione, pranzo e cena i 5 nutrienti più importanti ovvero carboidrati, proteine, grassi vegetali, minerali e vitamine; gli spuntini invece non devono per forza avere tale composizione, ma possono essere a base di soli carboidrati o proteine. Le quantità sono controllate e sono tali da determinare una dieta da circa 1200 kcal, piuttosto equilibrata, anche se non ottimizzata nel rapporto carboidrati e proteine, soprattutto se si prendono in considerazione i singoli pasti, a volte troppo sbilanciati a favore dei carboidrati.

Interessante il fatto che la Flachi ritenga fondamentale (come nella mia dieta ideale) il fatto di prevedere delle giornate di riposo programmato: secondo la dottoressa, bisognerebbe fare un pasto libero il mercoledì e la domenica, per interrompere la dieta, fattore strategico dal punto di vista metabolico e psicologico.

 

 

Analisi critica della dieta Flachi

Dieta Flachi

La Flachi, da brava nutrizionista, propone una dieta abbastanza in stile mediterraneo, ipocalorica ed equilibrata. Manca però una parte dedicata all'attività fisica "vera", l'impressione è quella che non si dia la necessaria importanza a questo aspetto, venendo incontro a coloro (tanti) che non hanno intenzione di cambiare realmente il proprio stile di vita a favore dello sport praticato in modo davvero efficace. Per esempio, nel suo libro "Dimagrire dormendo" (già il titolo la dice lunga sul target di riferimento, cioè le persone che di muoversi proprio non ne vogliono sapere...) si parla di carboidrati a pranzo e colazione e di proteine a cena per evitare i problemi dell'insulina... Sì ma se io corro 10 km o faccio 20 km in bici o 90 minuti di nuoto alle 18, un piatto di pasta alle 20 non solo non mi fa male, ma è addirittura necessario! D'altronde non mi sembra che la Flachi sfoggi un fisico da atleta, è una donna di mezza età come tante, di certo non in forte sovrappeso, ma nemmeno particolarmente in forma.

Non sono molto d'accordo sul fatto di prevedere una giornata di riposo il mercoledì, dopo soli due giorni di dieta: preferisco concentrarle il sabato e la domenica, per venire incontro ai ritmi sociali della maggior parte delle persone. Anche dal punto di vista metabolico non mi convince il fatto di interrompere il processo di mantenimento dopo soli due giorni.

Concludendo, penso che la dieta della dottoressa Flachi sia da annoverare in quei metodi sensati, ma un po' troppo soft per ottenere un reale cambiamento nello stile di vita e dunque per ottenere risultati veramente efficaci.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Sciroppo di glucosio

Lo sciroppo di glucosio è uno degli ingredienti più utilizzati dall'industria alimentare, come sostituto dello zucchero.


Selenio

Il selenio è un elemento importante per contrastare il danno ossidativo prodotto dagli idroperossidi: scopriamo quando c'è rischio di carenza o eccesso, vantaggi o svantaggi.


Sardina o sarda

Sardina o sarda: il pesce azzurro ricco di omega 3. Come sceglierla, la stagione migliore, la preparazione e le ricette.


Chutney - salsa indiana

Il chutney o chatni è una salsa piccante a base di frutta e spezie tipica della cucina indiana.

 


Wafer paper o Rice paper

Wafer paper (o rice paper): l'ultima frontiera del cake design fatta con fogli di ostia.


Pasta di semola di grano duro

Pasta - Produzione e caratteristiche della pasta di semola di grano duro


La pasta fa ingrassare?

La pasta fa ingrassare? Dipende dal sugo... Ma non dalle calorie o dai grassi, quanto dalla densità calorica.


Birra triplo malto

La birra triplo malto molto probabilmente è nata per imitare la tripel belga e indica una birra ad alta gradazione alcolica, non uno stile di birra.