La dieta Beverly Hills

La dieta Beverly Hills è stata ideata da tale Judy Mazel, direttrice di un centro dietetico a Beverly Hills, uno dei quartieri più esclusivi di Los Angeles e di tutti gli USA. Questa dieta è stata anche chiamata "hollywoodiana" grazie alla promozione di cui ha beneficiato da parte di alcuni attori molto famosi.

La prima versione della dieta Beverly Hills risale al 1981, anno di pubblicazione del primo libro di Judy Mazel.
Nel 1996 è uscita una nuova versione del libro e della dieta "New Beverly Hills Diet", una versione leggermente più equilibrata ma i cui principi sono grossomodo gli stessi.
La Mazel morì a 63 anni a causa delle complicazioni causate da un problema all'apparato vascolare.

Come funziona la dieta Beverly Hills

Secondo la Mazel quando il cibo non viene digerito correttamente, si trasforma in grasso corporeo. Bisognerebbe dunque ottimizzare la digestione sfruttando gli enzimi digestivi naturalmente contenuti negli alimenti. Per farlo, bisogna scegliere le corrette combinazioni alimentari e organizzare i pasti in modo opportuno. In questo modo, si creerebbe una situazione favorevole per il dimagrimento, in quanto un corretto utilizzo degli enzimi naturalmente presenti nei cibi consentirebbe agli enzimi dell'organismo di ottimizzare le funzioni corporee.

Dieta di Beverly Hills

La dieta Beverly Hills è prevalentemente a base di carboidrati e soprattutto a base di frutta. Prevede restrizioni molto pesanti e piuttosto bizzarre, per esempio a colazione si può mangiare un solo tipo di frutta, senza limiti di quantità, solo dopo un'ora si può mangiare un tipo di frutto diverso, ma sempre solo quel frutto, per mangiare cibi diversi dalla frutta bisogna attendere due ore. In linea di massima, i carboidrati vanno abbinati solo alla frutta e le proteine solo ai grassi.

La dieta Beverly Hlls prevede un ciclo di 35 giorni di dieta molto rigida e bassa in calorie, molti di questi giorni sono solo a base di frutta. In generale, la dieta è molto sbilanciata a favore dei carboidrati.

 

 

Analisi critica della dieta Beverly Hills

Chiunque abbia un minimo di coscienza alimentare capirà immediatamente che con la dieta Beverly Hills si dimagrisce perché si assumono poche calorie (a causa delle forti restrizioni), si rischia di perdere molti muscoli e di abbassare di conseguenza il metabolismo.

Le basi teoriche della dieta sono veramente scarse e molto fantasiose, anche se un fondo di verità c'è, ed è uno dei punti fondamentali (e innovativi) della mia dieta ideale: i problemi digestivi possono effettivamente causare un rallentamento del dimagrimento o addirittura un blocco della perdita di peso, a prescindere dalle calorie ingerite. Di questo bisogna tenere conto in una dieta dimagrante, ma se si cerca di costruire una dieta solo partendo da questo fattore, trascurando gli altri, si ottiene una dieta assurda, inefficace e anche potenzialmente pericolosa, come quella di Beverly Hills.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Sciroppo di glucosio

Lo sciroppo di glucosio è uno degli ingredienti più utilizzati dall'industria alimentare, come sostituto dello zucchero.


Selenio

Il selenio è un elemento importante per contrastare il danno ossidativo prodotto dagli idroperossidi: scopriamo quando c'è rischio di carenza o eccesso, vantaggi o svantaggi.


Sardina o sarda

Sardina o sarda: il pesce azzurro ricco di omega 3. Come sceglierla, la stagione migliore, la preparazione e le ricette.


Chutney - salsa indiana

Il chutney o chatni è una salsa piccante a base di frutta e spezie tipica della cucina indiana.

 


Wafer paper o Rice paper

Wafer paper (o rice paper): l'ultima frontiera del cake design fatta con fogli di ostia.


Pasta di semola di grano duro

Pasta - Produzione e caratteristiche della pasta di semola di grano duro


La pasta fa ingrassare?

La pasta fa ingrassare? Dipende dal sugo... Ma non dalle calorie o dai grassi, quanto dalla densità calorica.


Birra triplo malto

La birra triplo malto molto probabilmente è nata per imitare la tripel belga e indica una birra ad alta gradazione alcolica, non uno stile di birra.