Merluzzo

Valori nutrizionali del merluzzo

Dato che il termine merluzzo è molto generico e comunemente con esso si indicano diverse specie di pesci, occorre fare una premessa. Il merluzzo di cui parlerò in questa sezione è il comune merluzzo bianco, quello appartenente alla famiglia dei Gadidae (Gadus morhua), un pesce d'acqua salata che varia il suo nome a seconda di come viene trattato per la conservazione in baccalà se viene conservato sotto sale intero, o in stoccafisso se viene invece essiccato senza testa.

Ha una forma moderatamente allungata, la sua pelle è di un colore variabile dal marrone al verdastro grigio, cosparsa di macchie arancio o brune o biancastre. Ha una testa piuttosto grande, caratterizzata da due tratti distintivi: un particolare barbiglio chiaro sotto il mento e delle piccole macchie scure che sembrano lentiggini. Un'altra particolarità del merluzzo sono le sue tre pinne dorsali.
Può raggiungere i due metri di lunghezza e i 96 kg di peso.

Zona di diffusione del merluzzo

Merluzzo

Il merluzzo non esiste nel Mar Mediterraneo. Quello che tutti i giorni troviamo sui banchi del pesce italiani e che volgarmente chiamiamo merluzzo è in realtà il nasello (Merluccius merluccius).

Il merluzzo bianco è un pesce tipico dell'Oceano Atlantico settentrionale, diffuso nel Mare di Norvegia fino all'Islanda, nel Mare del Nord, nel Mare di Barents nella zona tra la Groenlandia fino alla Carolina del Nord.

Pesca del merluzzo

Il merluzzo è uno dei pesci più pescati nel mondo, da secoli fatto oggetto di un commercio intenso a livello mondiale, viste le sue carni molto apprezzate dai consumatori. I principali Paesi pescatori e produttori di merluzzo sono la Norvegia, l'Islanda e il Canada.

 

 

Dal 1992, però, la pesca dei merluzzi si va esaurendo, per due motivi principali: in primo luogo perché i merluzzi si riproducono solo dopo molti anni di vita, e secondariamente perché la sovra-pesca selvaggia sta portando all'esaurimento gli stock di baccalà e stoccafissi.

Caratteristiche nutritive del merluzzo

Le carni del merluzzo sono bianche, magre, facilmente digeribili, proteiche e ricche di sali minerali, soprattutto fosforo e potassio. Sulle nostre tavole tuttavia finiscono principalmente baccalà e stoccafisso, i cui valori nutritivi tuttavia non cambiano molto, bisogna solamente fare attenzione al contenuto di sodio del baccalà, che se ammollato opportunamente non crea problemi di alcun tipo, ma se la dissalazione non è completa può produrre piatti eccessivamente salati.

Piuttosto, sono spesso ipercaloriche le preparazioni a base di merluzzo, prima fra tutte il baccalà mantecato o baccalà alla vicentina, mentre altre ricette in umido come lo stoccafisso alla genovese sono senz'altro migliori e più equilibrate dal punto di vista nutrizionale.

Curiosità sul merluzzo

Il merluzzo è nel mare ciò che il maiale è in terra, vale a dire, del merluzzo non si butta niente: le teste vengono bollite per insaporire le pietanze o cucinate in zuppe, la lingua viene considerata una leccornia in Norvegia, le uova vengono salate e affumicate e vendute come succedaneo del caviale, dal fegato si ricava il famoso olio di fegato di merluzzo tanto ricco di omega 3 utilizzato in campo ortopedico per la cura dell'artrosi, infine, dalle interiora si ricavano enzimi adoperati nell'industria farmaceutica.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Polifosfati

I polifosfati sono additivi utilizzati in svariati alimenti, spesso a sproposito, e hanno una certa criticità dal punto di vista degli effetti sulla salute.


Addensanti (additivi alimentari)

Gli addensanti sono additivi alimentari utilizzati per assicurare agli alimenti determinate caratteristiche fisiche, come aspetto, consistenza, stabilità nel tempo.


Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA)

Gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) sono sostanze cancerogene che si sviluppano a causa delle alte temperature e quindi anche nella preparazione di svariati alimenti.


Valeriana o songino

Valeriana: un tipo di lattuga da non confondersi con la valeriana officinalis. Scopriamo le sue proprietà e come utilizzarla in cucina.

 


Diossine e PCB: cosa sono e come difendersi dai rischi alimentari

Le Diossone e i PCB sono tra i contaminanti ambientali e alimentari più pericolosi: ecco come arrivano nel cibo e come evitarli.


Vini Supertuscan

Supertuscans: i grandi vini rossi toscani che hanno deciso di fare a meno delle denominazioni Doc e Docg.


Vino rosé Pamplemousse

Vin de Pamplemousse, la bevanda a base di vino e succo di pompelmo che viene dalla Francia.


Vino blu (Gik)

Il primo vino blu del mondo (prodotto dalla compagnia Gik), realizzato a tavolino da un'azienda spagnola, ha destato scalpore e curiosità.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.