Fagioli azuki

fagioli azuki o adzuki sono una particolare tipologia di fagioli giapponese il cui nome scientifico è Vigna angularis. La pianta degli azuki appartiene alla famiglia delle Fabacee, è diffusa in tutto l'Oriente già dal 4000 a.C. ed è ormai coltivata anche in Occidente. In particolare la terra d'elezione per la coltivazione di questo cultivar di fagioli è l'Himalaya.

La particolarità dei fagioli azuki è quella di essere molto piccoli, più piccoli dei fagioli comuni (circa 5 mm), di un colore rosso uniforme tranne che per una linea bianca vicina all'occhio. Il loro nome significa, infatti, "piccolo fagiolo", in opposizione alla soia, detta "grande fagiolo" in giapponese.

In Cina vengono chiamati "chidou", in Corea "pat", in Vietnam "dau djo" e in India "red chori", in tutti i casi comunque il significato è il medesimo: fagiolo rosso. 

Usi degli azuki in cucina

Fagioli Azuki

A differenza di quello che succede nelle cucine occidentali, nella cucina asiatica i fagioli vengono utilizzati più spesso per ricette dolci che salate.

In tutta l'Asia vengono consumati in zuppe, oppure usati come ripieno di dolci, o ancora cotti nel tè, dato il loro sapore spiccatamente dolce.

Nella gastronomia giapponese gli azuki sono il secondo legume più consumato dopo la soia, in particolare vengono comunemente mangiati come snack zuccherati, oppure ridotti ad una purea dolce usata per farne una marmellata (anko) o ancora fatti gelificare con agar agar per formare le yokan (tipo caramelle). 
Non c'è da stupirsi se la Coca Cola in Giappone ha fatto uscire una bevanda al gusto di azuki!

 

 

In Italia, gli azuki sono ancora poco conosciuti e difficili da trovare se non nei negozi specializzati, soprattutto nei negozi di alimentazione biologica o nei punti macrobiotici.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Lo zucchero fa male?

Lo zucchero fa male? Analizzando il documento ufficiale dell'OMS scopriamo che non è così 'tossico' come molti vorrebbero farci credere...


Quanto zucchero al giorno?

Quanto zucchero possiamo assumere al giorno? Facciamo chiarezza analizzando il documento ufficiale dell'OMS.


Fruttosio

Il fruttosio: lo zucchero a basso indice glicemico e con potere dolcificante (teorico) superiore al saccarosio.


Antiossidanti

Gli antiossidanti sono additivi utilizzati per evitare l'irrancidimento ossidativo, gli imbrunimenti e altre alterazioni causate dall'ossigeno. Alcuni di essi sono innocui, altri potenzialmente a rischio.

 


Burro a ridotto contenuto di colesterolo: un prodotto inutile!

Il burro a ridotto contenuto di colesterolo ne contiene l'80% in meno, tuttavia non essendo il burro una fonte importante di colesterolo, non ha molto senso utilizzarlo.


Burro light o a ridotto contenuto calorico: lasciamo perdere!

Il burro light (o leggeto, o a ridotto contenuto calorico) contiene la metà dei grassi e delle calorie rispetto al burro, ma ciò nonostante rimane un prodotto che non comporta vantaggi particolari.


Cioccolato rosa o ruby

Il cioccolato rosa o ruby (rubino): la novità del 2017, assolutamente naturale, senza coloranti, prodotto dalla casa cioccolatiera Callebaut.


Margarina

La margarina è un grasso alimentare solido, prodotto industrialmente, utilizzato come surrogato del burro, da evitare nella stragrande maggioranza dei casi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.