Limone

Il limone (citrus limon) è un agrume appartenente alla famiglia delle Rutacee. L'albero del limone nasce in India come un antico innesto tra un cedro ed un pomelo, ma ormai da secoli viene considerato una specie a se stante. Il limone è una pianta alta dai 3 fino ai 6 metri, ha foglie ovali lanceolate di colore verde scuro e bellissimi fiori bianchi dalle sfumature violacee che spuntano in coppie e vengono chiamati zagara. Il limone può arrivare a fiorire e fruttificare due volte l'anno, tra settembre e marzo.

Il frutto del limone, omonimo, è un agrume dalla forma ovoidale e appuntita, dalla buccia spessa e ruvida, di colore giallo brillante e molto ricca di oli essenziali. All'interno tra la buccia e la polpa c'è l'albedo, una patina spugnosa bianca e la polpa è suddivisa in 8-10 spicchi, alcune varietà di limone hanno anche i semi e altre no. Il gusto del limone è acidulo e rinfrescante.

Limone

Varietà e IGP di limoni italiani

Sul territorio italiano il limone è conosciuto fin dall'epoca romana, le prime testimonianze che attestano la presenza di alberi di limoni si ritrovano in alcuni dipinti a Pompei risalenti al primo secolo dC, anche se la prima vera e propria coltivazione italiana di limoni per scopi commerciali risale al Quattrocento e fu impiantata in provincia di Genova. Le varietà di limone più diffuse in Italia sono il Femminello, il Monachello e l'Interdonato.

Oggi il limone è coltivato principalmente nel Meridione, in Campania, Calabria, Puglia e Sicilia, e in Liguria. In queste regioni la coltivazione negli anni si è andata specializzando e sviluppando tanto che ben 5 zone possono ora fergiarsi del marchio IGP (indicazione geografica protetta): 

  • il limone Costa d'Amalfi o sfusato amlafitano
  • il limone Femminello del Gargano
  • il limone di Sorrento
  • il limone Interdonato di Messina Jonica
  • il limone di Siracusa, l'ultimo ad essere riconosciuto come IGP nel 2011

 

Usi e proprietà del limone

Il limone è senza dubbio, assieme all'arancia, uno degli agrumi più coltivati e sfruttati in Italia e nel mondo. Il primo produttore di limoni a livello mondiale da secoli rimane l'India, seguita dal Sudamerica (Messico, Brasile e Argentina) che con i suoi agrumi copre i mercati italiani ed europei durante l'estate, e poi dalla Spagna. L'Italia in questa classifica si posiziona al decimo posto, posizione di tutto rispetto se si pensa a quanto sia limitato il terreno dedicato ai nostri limoneti.

Il limone è un frutto molto richiesto per vari scopi, primo tra tutti quello alimentare, ma anche per usi farmaceutici e cosmetici e per scopi più semplicemente ornamentali. In cucina del limone si usa tutto, compresa la buccia, che raggiunge un buon 40% del peso complessivo di un limone, la si usa, infatti, per produrre i canditi, il limoncello o il limoncino, e per estrarre la pectina ed altre essenze profumate.

 

Una volta spremuto, il limone produce un succo pari al 50% del suo peso e altrettanto richiesto dal mercato per produrre succhi di frutta e bevande alcoliche o analcoliche, si pensi alla limonata, che si possono mantenere per un anno anche senza conservanti in quanto l'acido citrico contenuto nella polpa funge da conservante naturale. Ad un livello più casalingo il succo di limone viene usato come condimento di insalate, di piatti a base di pesce o di carne e di macedonie; viene impiegato nelle marinature, soprattutto perchè svolge la preziosa funzione di togliere il sapore di selvatico da carni rosse o selvaggina e il sapore salmastro dal pesce; e viene usato per creare l'acqua acidulata dove mettere a bagno quei frutti e ortaggi che tendono ad annenire, come per esempio i carciofi, i cardi, le mele, le banane e l'avocado. Dai semi del limone si estrae l'olio essenziale molto profumato che viene impiegato sia come aroma in cucina, che come profumo dall'industria cosmetica.

Infine, al limone sono riconosciute numerose proprietà: disinfettante, antibatterica, antisettica, antinfiammatoria, digestiva, che lo rendono ideale da lavorare anche in farmacologia per produrre creme o medicinali utili per verruche, calli, infiammazioni del cavo orale, raffreddore, influenza o reumatismi. D'altronde chi di noi non ricorda di aver bevuto un "canarino", una bevanda calda a base di acqua, zucchero e limone, usata nella tradizione popolare  come digestivo o in caso di mal di pancia? O chi può giurare di non aver mai provato a seccare un brufolo appoggiandoci sopra una fetta di limone? Il limone è spesso il primo rimedio naturale che troviamo in casa e non dovrebbe mai mancare nel nostro frigo.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Gelatina alimentare

La gelatina alimentare o colla di pesce è un materiale gelatinoso che viene usato dall'industria alimentare per aumentare la consistenza e la viscosità di alcuni alimenti.


Frollatura della carne

La frollatura delle carni: il processo per rendere la carne più gustosa tramite la frollatura.


Maiale

La carne di maiale o suino: le origini, le razze, i valori nutrizionali e le denominazioni.


L'alimentazione delle galline e dei colombi, gli uccelli da cortile

Cosa fornire da mangiare e a cosa prestare attenzione nell'alimentazione della gallina domestica e dei colombi o piccioni.

 


Conservanti innocui e nocivi

I conservanti sono quelle sostanze che permettono ai prodotti alimentari di mantenersi più a lungo, ma ne esistono di innocui e di nocivi.


Alimentazione dei pesci: come nutrire correttamente i pesci d'acquario

L'alimentazione dei pesci d'acquario è una cosa spesso poco considerata i cui errori possono portare anche alla morte dei pesci.


L'alimentazione dei pappagalli, canarini e altri uccelli da gabbia

Quali sono le basi e come si formula l'alimentazione migliore per i pappagalli, i canarini e gli altri piccoli uccelli da compagnia.


Gelato artigianale

Gelato artigianale: cosa significa esattamente la dicitura che è sulla bocca di tutti?

Accedi ai servizi gratuiti

Per utilizzare i servizi gratuiti della sezione alimentazione devi registrarti gratuitamente.