Fichi

Calorie e valori nutrizionali dei fichi

Calorie e valori nutrizionali dei fichi secchi

I fichi sono il frutto di una pianta originaria del medio oriente, il Ficus Carica. Noti fin dall'antichità, erano molto graditi dai greci e dai romani.

Esistono moltissime varietà di fichi, i più comuni sono quelli verdi, seguiti da quelli neri. Alcune specie, chiamate bifere, maturano due volte l'anno, le unifere, invece fruttificano solo una volta.

I fichi che maturano a maggio sono detti fioroni, sono in genere più grossi e meno dolci di quelli che maturano a luglio e agosto (detti fichi forniti), e in settembre ( fichi tardivi).

I fichi sono frutti molto dolci, e infatti hanno un contenuto calorico molto alto: 74 kcal per 100 g, comparabile a quello di uva e mandarini e molto più alto rispetto a quello indicato nelle tabelle nutrizionali italiane. Hanno un indice di sazietà medio, sono lassativi e fanno parte di quella categoria di alimenti che può causare allergie in soggetti predisposti.

Fichi freschi e trasformati

I fichi freschi sono frutti molto delicati, il che rende molto difficile il trasporto e la commercializzazione. Per questo motivo il consumo è piuttosto limitato e anche la coltivazione è ridotta: la maggior parte delle piante sono lasciate all'abbandono o vengono raccolte solo per il consumo locale o addirittura familiare.

Inoltre in Italia la produzione dei fichi si ottiene con impianti arborei di vecchia costituzione, per lo più inseriti all'interno di uliveti o formati da piante sparse, ubicati in terreni impervi in cui è difficile razionalizzare le operazioni colturali. Questa situazione rende ancora più difficile la raccolta dei fichi e la loro commercializzazione.

Molto più diffusi sono i fichi trasformati.

 

Fichi

I fichi secchi sono prodotti facendo essiccare al sole per circa una settimana i fichi freschi, in seguito vengono sterilizzati in vari modi e commercializzati. Spesso vengono conservati con anidride solforosa (come l'uva secca), quindi è bene leggere l'etichetta nutrizionale e scegliere quelli senza conservanti. Spesso si trovano arricchiti con frutta secca (posta al loro interno), e ricoperti di glassa o di cioccolata.

La marmellata di fichi al naturale o con varianti sul tema (al limone, al rhum, all'arancia) ma soprattutto i fichi canditi e caramellati sono molto diffusi, questi ultimi si possono consumare sul pane o meglio con formaggi piccanti e molto saporiti.

Nella sezione Cucina Sì Online trovate alcune ricette Sì a base di fichi, come le marmellate con il 40% di zuccheri.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Tè bianco

Il tè bianco: un tè semi-fermentato originario della Cina molto raro e costoso.


Mandarancio

Il mandarancio: un agrume che nasce dall'ibridazione tra mandarino e arancio, tra i più venduti in Italia.


Clementine

Le clementine: agrumi del gruppo dei mandarini che maturano tra novembre e gennaio.


Mandarino: varietà

Il mandarino e il mandarino cinese o kumquat: coltivazione, calorie e valori nutrizionali di questi agrumi.

 


Limone

Limone: uno degli agrumi più coltivati di cui si usa scorza e succo per produrre cantiti, marmellate, succhi.


Limoncello

Limoncello o limoncino - Storia, ricetta e preparazione


Sciroppo di glucosio

Lo sciroppo di glucosio è uno degli ingredienti più utilizzati dall'industria alimentare, come sostituto dello zucchero.


Controfiletto

Controfiletto di manzo: il taglio di carne bovina che non fa riferimento solo a una porzione anatomica, ma può generare equivoci.