Pizza napoletana

Da quando la pizza napoletana è candidata per l'ottenimento della certificazione STG (ottenuto poi nel 2010, vedi disciplinare), la pizza è proprio sulla bocca di tutti, sopratutto dei nutrizionisti che non fanno altro che sottolineare le doti nutrizionali (come vedremo tutte da dimostrare) di questo alimento.

Secondo alcuni la pizza sarebbe addirittura diventata un alimento adatto in un regime alimentare ipocalorico, uno "splendido piatto unico mediterraneo".

È veramente difficile non vedere in tutto questo la volontà di promuovere la pizza per scopi puramente commerciali, come già si fa ampiamente per pasta, vino e olio di oliva. Le contraddizioni e le forzature, però, con la pizza raggiungono veramente livelli preoccupanti.

Vedi anche pizza e forno a legna.

La pizza è un alimento "dietetico"

La pizza è uno degli alimenti meno adatti in un periodo di dieta.

Una margherita contiene dalle 600 alle 800 kcal (dipendentemente dalla quantità di impasto e dai grassi che vengono aggiunti all'impasto e al condimento), anche mangiando solamente quella si ricopre più della metà delle calorie di un regime alimentare da 1200 kcal!

Questo significa che facendo una colazione e una cena risicati, bisogna resistere alla fame per 6-8 ore avendo mangiato solo una margherita! Quale dietologo prescriverebbe la pizza quotidianamente in una dieta?

La pizza non si può porzionare, quindi non si può consigliare di moderare le quantità, chi consiglia di "stare attenti alle quantità" dovrebbe riflettere sulle stupidaggini che dice: chi decide le quantità è il pizzaiolo, mica possiamo ordinare una pizza da 100 grammi! Certamente non è obbligatorio mangiarla tutta, così come si può dividere una pizza con un amico... Ma purtroppo non tutti sono in grado di avanzare il cibo nel piatto, a prescindere dal fatto che siano già sazi.

 

La pizza è digeribile

Pizza

Una "vera" pizza napoletana è cotta in forno a 485 gradi per soli 60-90 secondi, come da disciplinare. Il disciplinare spiega chiaramente che la temperatura della pasta non supera i 60-65 gradi. La digeribilità del pane (e di qualunque altra pasta lievitata, quindi anche della pizza) dipende dalla temperatura raggiunta della pasta e dal tempo di permanenza a tale temperatura. La temperatura agisce sulle proteine denaturandole, ma soprattutto sull'amido riducendolo in gelatina e scindendolo in composti più semplici (come le destrine della crosta del pane), fattori che determinano la maggiore digeribilità dell'impasto. L'amido gelatinizza tra i 50 e i 70 gradi, dunque i 65 gradi dell'impasto garantirebbero la completa (o quasi) gelatinizzazione degli amidi (altrimenti ci ritroveremmo nel piatto della pasta cruda)... Tuttavia la temperatura è abbastanza vicina al limite e sbagliare la cottura, rimanendo 5-10 gradi più bassi, col risultato di servire una pizza semicruda, è un'evenienza tutt'altro che improbabile.

 

Questo fenomeno spiega la relativa frequenza nella quale ci si imbatte in pizze crude, che causano problemi di digestione.

Il problema della scarsa digeribilità della pizza è dovuto anche alla cattiva lievitazione. Molti pizzaioli forzano i tempi della fermentazione dell'impasto, non dando il tempo ai lieviti di agire sulle caratteristiche dell'impasto, rendendolo più buono al gusto e anche molto più digeribile. La sensazione di grande sete che compare a volte dopo aver mangiato la pizza non è solo causata dall'abbondanza di sale, ma dalla scarsa digeribilità causata da una lievitazione troppo rapida. Fortunatamente questa evenienza è scongiurata per quanto riguarda la pizza STG, che contiene poco lievito (meno di 2 g per kg di farina) e lievita per almeno 6 ore.

Dunque, meglio selezionare le pizzerie dove questo (la difficoltà digestiva) non accade, perché probabilmente la lievitazione è prolungata e fatta come si deve.

La vera dimensione della pizza

La pizza è un alimento che ci si può concedere una volta ogni tanto, per esempio una volta la settimana.

Può essere la legittima concessione settimanale, che rientra tranquillamente in un regime alimentare corretto, e allora lo possiamo accompagnare con una birra e un dolce, per un totale di 1000-1200 kcal.

Oppure può rientrare nel bilancio calorico giornaliero, se non aggiungiamo altre calorie ma ci limitiamo alla pizza, ma come detto sopra questo comporta lo sforzo psicologico di resistere allo stimolo della fame, complice lo scarso indice di sazietà della pizza.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Maiale

La carne di maiale o suino: le origini, le razze, i valori nutrizionali e le denominazioni.


L'alimentazione delle galline e dei colombi, gli uccelli da cortile

Cosa fornire da mangiare e a cosa prestare attenzione nell'alimentazione della gallina domestica e dei colombi o piccioni.


Conservanti innocui e nocivi

I conservanti sono quelle sostanze che permettono ai prodotti alimentari di mantenersi più a lungo, ma ne esistono di innocui e di nocivi.


Alimentazione dei pesci: come nutrire correttamente i pesci d'acquario

L'alimentazione dei pesci d'acquario è una cosa spesso poco considerata i cui errori possono portare anche alla morte dei pesci.

 


L'alimentazione dei pappagalli, canarini e altri uccelli da gabbia

Quali sono le basi e come si formula l'alimentazione migliore per i pappagalli, i canarini e gli altri piccoli uccelli da compagnia.


Gelato artigianale

Gelato artigianale: cosa significa esattamente la dicitura che è sulla bocca di tutti?


Birra stile Lambic

La birra stile Lambic: una specialità belga della Valle della Senne molto simile al vino.


Divezzamento - Un esempio pratico

Un esempio pratico di divezzamento: quante ore può un bambino restare senza mangiare?

Accedi ai servizi gratuiti

Per utilizzare i servizi gratuiti della sezione alimentazione devi registrarti gratuitamente.